Lunga lettura -

Lettura breve -

L’agenzia ambientale degli Stati Uniti impiega compressori d’aria per sparare pellet di carbone allo scopo di intrappolare le sostanze che inquinano il Mirror Lake di Dover.

 

Una luminosa giornata di sole, un cestino da picnic, una partita di frisbee e un tramonto al lago; non sembra perfetto? Purtroppo però secondo recenti inchieste c’è motivo di credere che il 50% dei laghi del mondo sia inquinato. E anche se la superficie appare di un blu scintillante, la vita al di sotto potrebbe stare soffocando.

Rifiuti e sporcizia nuotano in questi corpi idrici, che fino a poco tempo fa rappresentavano la nostra principale fonte di acqua potabile. I laghi sono corpi idrici stagnanti, quindi una volta che le sostanze inquinanti dannose entrano nel lago, ci rimangono finché il lago non viene pulito.

 

Non si tratta di un compito semplice. La pulizia di un lago è un processo costoso e che necessita di risorse. Ma con l’avvento della tecnologia, gli enti civici ora dispongono di nuove modalità per effettuare la pulizia dei laghi. Quando il dipartimento delle risorse naturali e del controllo ambientale del Delaware (U.S.A.) ha messo in progetto di ripulire lo storico Mirror Lake di Dover, i compressori d’aria hanno rappresentato un’eccellente soluzione. Il dipartimento ha utilizzato i compressori Rotair D300K prodotti dal marchio affiliato a ELGi, Rotair, per sparare pellet di carbone sul fondale del lago al fine di intrappolare le sostanze contaminanti.

 

Cause d’inquinamento

A causa dei rifiuti industriali e del deflusso delle acque piovane, sostanze chimiche quali i policlorobifenili e il mercurio hanno contaminato il Mirror Lake. Le sostanze nocive hanno colpito i pesci e si sono sedimentate sul fondo del lago. Laghi di tutto il mondo hanno storie simili.
Le principali fonti di inquinamento del lago sono:

 

1. Scarichi puntuali: è possibile identificare un punto nel quale le sostante nocive vengono rilasciate nel lago, ad esempio i rifiuti industriali scaricati attraverso la linea fognaria.

2. Scarichi diffusi: sono contaminanti che non possono essere ricondotti a una fonte specifica, come per esempio l’acqua che si immette nel lago attraversando terreni agricoli contaminati da pesticidi e fertilizzanti.

 

Alti livelli di fosforo e mercurio nell’acqua del lago tendono a causare squilibri chimici. Questo squilibrio porta all’esaurimento dell’ossigeno nell’acqua, colpendo direttamente la vita subacquea. I pesci che vivono in quest’acqua si nutrono degli agenti inquinanti e diventano a loro volta tossici. Alti livelli di nitrati e fosfati possono anche portare a una crescita dannosa di alghe, impattando sia sulla vita acquatica sia sugli esseri umani.

(Immagine: Lago Karačaj, Russia)

 

Alcuni dei laghi più inquinati del mondo

  1. Lago Karačaj, Russia (vedi sopra): un piccolo lago che fu utilizzato come discarica per le scorie nucleari dell’Unione Sovietica dal 1934 al 1957

 

  1. Lago Onondoga, Stato di New York: lo sversamento diretto ha causato alti livelli di mercurio

 

  1. Lago Vittoria, Africa: situato tra Kenya, Tanzania e Uganda, il più grande lago di acqua dolce dell’Africa è stato contaminato da acque reflue, prodotti chimici e fertilizzanti

 

  1. Lago Serra Pelada, Brasile: una miniera d’oro abbandonata che si è riempita d’acqua. Ha un alto livello di mercurio residuo

 

  1. Lago Bellandur, Bangalore – India (immagine sotto): una discarica per le acque reflue della città; così inquinato da aver preso fuoco due volte
(Immagine: Lago Bellandur, Bangalore – India)

 

L’arduo compito di ripulire un lago

Il primo passo per la gestione dell’inquinamento dei laghi è identificare quale sia la fonte dell’inquinamento. È possibile riportare un lago al suo splendore incontaminato solo quando le sostanze contaminanti vengono contrastate alla fonte. Ciò costituisce la sfida più grande per le autorità di un paese, poiché il successo dipende sia dalla forza delle leggi del paese stesso sia dalla loro applicazione.

Il successivo grande passo è quello di valutare l’entità del danno. Sono diverse le agenzie ambientali che conducono test per identificare i principali inquinanti e il loro effetto sul lago e sulla sua vita acquatica.

Infine, l’ultimo passo è quello di progettare un piano per una pulizia immediata e per una sostenibilità del lago di lungo periodo.

 

I compressori Rotair al lavoro

Il dipartimento del Delaware delle risorse naturali e del controllo ambientale ha trovato una soluzione nel pellet SediMite, che scende sul fondale del lago e rilascia lentamente carbone attivo per intrappolare i contaminanti. Nonostante la bontà dell’idea, il dipartimento non era sicuro di come distribuire uniformemente il pellet nel lago. Ed ecco che sono arrivati in soccorso i compressori Rotair.

 

L’appaltatore ambientale incaricato per questo compito, la BrightFields, ha contattato la Wistar Equipment, una società che noleggia attrezzature tra le quali i compressori d’aria. “Abbiamo scelto i compressori Rotair D300K perché sono compatti, silenziosi e dotati delle qualità necessarie per alimentare il Wistar Air Cannon per la distribuzione efficiente del pellet”, afferma Shawn Younger, Responsabile del Territorio della Wistar.

Il Wistar Air Cannon è un macchinario a forma conica azionato pneumaticamente che è stato inventato per distribuire il pellet di carbone nelle aree designate. “Sapevamo che avremmo lavorato in un’area residenziale, quindi era importante disporre di un silenzioso compressore Rotair. Inoltre, Rotair è conforme alla EPA tier 4i, quindi ha un impatto ambientale ridotto”, aggiunge Younger.

 

Il cannone ad aria alimentato dal compressore Rotair ha impiegato meno di 30 secondi per svuotare un secchio da 22 litri di pellet. Il team ha poi impiegato diverse settimane per completare il processo e ha ricevuto sinceri apprezzamenti dall’amministrazione locale. Il Governatore del Delaware, Jack Markell, lo ha addirittura citato in un discorso di stato, dicendo: “Dobbiamo utilizzare tecnologie all’avanguardia per rimuovere le sostanze tossiche, proprio come stiamo facendo fuori da questo edificio, nel Mirror Lake. Abbiamo il dovere di lasciare alle future generazioni acqua pulita, è così semplice!”

Altre storie