Lunga lettura -

Lettura breve -

Mentre il 20° secolo ha assistito a guerre per il petrolio, ora l’umanità affronta conflitti sul bene più trascurato ma progressivamente scarso del 21° secolo: l’acqua. Le stime indicano che entro il 2025, metà della popolazione mondiale vivrà in un’area soggetta a stress idrico – una crisi imminente che potrebbe sfidare l’esistenza stessa della razza umana.

 

Sede della seconda popolazione più grande del mondo, l’India si trova assetata di una soluzione. L’avvento dei monsoni porta litri di sollievo alle città aride e ai villaggi del paese. La questione della carenza idrica nelle case e nei terreni agricoli prende una breve pausa dalle notizie in prima pagina e dalla televisione in prima serata, per poi resuscitare in pochi mesi. Senza una soluzione a lungo termine in vista, la crisi idrica sta creando un profondo impatto sull’ecosistema e sull’economia, la salute e l’igiene dell’India.

Anni consecutivi di monsoni di deboli intensità, massiccia deforestazione, scarsa raccolta di acqua piovana e inquinamento di fiumi e laghi hanno portato il paese a dipendere dalle acque sotterranee. Oggi, oltre il 60% dell’agricoltura irrigua e l’85% dell’acqua domestica in India proviene da acque sotterranee. La raccolta incontrollata ha provocato una caduta allarmante della falda nella maggior parte degli stati.

 

Le stime indicano un utilizzo annuo dell’India di 230-250 km cubi ogni anno, che rappresentano un quarto dell’utilizzo globale delle acque sotterranee e più dell’uso combinato di Cina e Stati Uniti. Di questo passo, entro il 2030 quasi il 60% delle falde acquifere si troverà in una situazione critica.

Come produttore di compressori d’aria per perforazioni, ELGi ha seguito da vicino la crescita di questo settore. La persistente richiesta negli anni di aumentare la capacità dei compressori ha suscitato lo sviluppo di nuovi prodotti. Quando ELGi iniziò la produzione di compressori d’aria nel 1978, la richiesta era di perforare pozzi da 4,5 pollici di diametro in entrambe le aree urbane e rurali, con una capacità del compressore di 600 piedi cubi al minuto (cfm) a una pressione di 100 libbre per pollice quadrato (psi). Nel corso dei decenni successivi, le falde acquifere hanno continuato a chiedere ai produttori di compressori di fornire maggiore velocità e potenza alla tecnologia di perforazione. Con miglioramenti della velocità quasi annuali, gli ultimi modelli sono in grado di perforare più velocemente e più a fondo con maggiore efficienza.

 

Tuttavia, l’innovazione nella tecnologia di perforazione può essere una soluzione a una crisi delle acque sotterranee ampiamente invisibile in India? Le immagini satellitari della NASA rivelano che le acque sotterranee in alcune parti dell’India settentrionale sono diminuite di circa 1 metro ogni tre anni. Le storie che ascoltiamo dal dialogo con i clienti del settore sono una testimonianza di questa tendenza preoccupante.

 

Mani Kunnathur, fondatore di Sri Sakthi Borewells, ha visto il drammatico calo dei livelli delle acque negli ultimi 28 anni. “Durante gli anni ’80, avremmo raggiunto la falda acquifera a 100-300 piedi ovunque nel Tamil Nadu. Esercitavamo 2-3 fori al giorno con un tasso di successo dell’80-90%. Ora nelle stesse aree dobbiamo andare fino a 1.000-1.200 piedi, anche se il tasso di successo è del 10-20% e la resa insufficiente “, afferma Mani. Negli ultimi trent’anni, un numero allarmante di pozzi tubolari di proprietà privata è cresciuto rapidamente nelle fattorie di tutto il paese a causa della mancanza di un’irrigazione affidabile. Le acque sotterranee consentono all’agricoltore di ottenere una resa doppia rispetto alle acque superficiali con un maggiore controllo sulla quantità di acqua utilizzata e sul tempo di irrigazione delle colture. La legge indiana conferisce diritti esclusivi ai proprietari terrieri per l’estrazione delle acque sotterranee, determinando un uso indiscriminato e un esaurimento involontario del livello dell’acqua.

 

Il signor Thangaraj di Madurai Borewells, che ha lavorato nel settore per quasi tre decenni, ha assistito alle difficoltà che gli agricoltori affrontano senza acqua. “Per un agricoltore, l’acqua è una risorsa fondamentale per la sopravvivenza. Se non troviamo l’acqua, sono costretti a vendere la loro terra. Puoi percepire il loro sollievo quando la troviamo; a volte ci trattano come se fossimo degli dei “, afferma. Con una migliore capacità del compressore, le aziende di Borewell possono compensare i costi e migliorare la produttività. Mani spiega: “La capacità di scavo negli anni ’80 era di 30 piedi l’ora. Ma ora con l’introduzione della nuova tecnologia, possiamo scavare 100 piedi all’ora. Al momento dell’aumento del costo del diesel e della scarsa percentuale di successo, la tecnologia è stata una salvezza per il nostro settore “.

 

Il signor Thangaraj afferma che sono saliti fino a 2000 piedi per raggiungere la falda acquifera, che era a poco più di 100 piedi negli anni ’80. Il tasso di successo è sceso dal 90% al 30-40%. “I rendimenti in questo settore stanno diminuendo e i costi stanno aumentando. Facciamo molto affidamento sul progresso tecnologico per far andare avanti la nostra attività “, aggiunge.

 

La tecnologia del compressore per pozzi d’acqua ha effettivamente contribuito a fornire una risorsa vitale, ma nella migliore delle ipotesi è un recupero temporaneo. Non può superare l’urgente necessità di trovare soluzioni a lungo termine per soddisfare le esigenze del Paese. La gestione delle risorse idriche deve essere adottata come priorità nazionale, con una strategia che affronti la questione a tutti i livelli. La mappatura delle falde acquifere in tutto il paese e la pubblicazione regolare dei loro dati non solo aiuterà a guidare gli operatori di perforazione, ma creerà anche consapevolezza sulla criticità dell’approvvigionamento idrico sotterraneo del paese.

 

Il cambiamento può avvenire, a partire dalle persone. L’educazione delle comunità sulla raccolta dell’acqua piovana, sul rimboschimento e sul riciclaggio dell’acqua potrebbe essere fondamentale. Spetta a ciascuno di noi, dove possibile, fare una scelta tra una soluzione sostenibile con benefici a lungo termine e una soluzione rapida che provocherà solamente dei danni.

I piccoli passi possono fare la differenza.

 

Fonte:

https://qz.com/931878/india-is-facing-its-worst-water-crisis-in-generations/

http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs391/en/

 

Altre storie