Lunga lettura -

Lettura breve -

Per Sathish, ex capitano della squadra di hockey della Bharatiar University e della Anna University, era come tornare indietro ai tempi della scuola. Solo che questa volta stava istruendo i bambini della ELGi Matriculation Higher Secondary School.

 

Per gran parte della metà del 20° secolo, l’India era di gran lunga la migliore squadra del mondo in uno sport olimpico. Altri paesi potrebbero competere solo per il secondo posto, in quanto l’India ha collezionato 7 medaglie d’oro in 8 giochi olimpici.

 

C’è una ragione per cui l’hockey è lo sport nazionale dell’India. Alla spina dorsale del successo dell’India c’era Dhyan Chand, ancora considerato il più grande giocatore che abbia mai abbellito il campo di hockey. Con un ridicolo bottino di 33 gol in 12 partite alle Olimpiadi e oltre 400 gol nella sua carriera, per l’hockey è quello che Pele è per il calcio. Il Mago, il cui compleanno il 29 agosto è celebrato come Festa Nazionale dello Sport, ha ispirato molte vite.

 

Uno di questi è il vero Sathish di ELGi. Dal febbraio 2015 lavora presso l’ufficio contabilità di ELGi Equipments. Ama parlare di hockey; e racconta storie di Dhyan Chand. Proprio come ama passare il tempo a istruire i bambini, insegnando loro tutte le lezioni, grandi e piccole, che ha imparato sul campo.

 

Da un anno è entrato a far parte di ELGi, grazie ad una discussione casuale che gli ha dato l’opportunità di allenare presso l’ELGi Matriculation Higher Secondary School, Vellalore. Era come musica per le sue orecchie.

“L’abilità è secondaria, dobbiamo essere in grado di correre per 70 minuti. Vogliamo quel tipo di resistenza. “- Sathish

 

I bambini non hanno mai avuto una formazione professionale prima. Hanno giocato con un solo obiettivo: tenere la palla lontana dal loro bastone. Non avevano un piano. Sathish insegnò loro l’importanza della corsa, della forma fisica e delle abilità. Ha anche insegnato loro il lavoro di squadra. I bambini hanno imparato velocemente, hanno imparato bene. Hanno iniziato a dipendere l’uno dall’altro e a giocare come una squadra. Presto ogni mossa fu guidata dal movente. E hanno seguite numerose vittorie. La squadra ha vinto tornei inter-scuola a tutti i livelli di età.

 

 

Sathish parla con orgoglio della fiducia che i suoi ragazzi hanno in lui. Si sente responsabile per loro. Sono eccitati, desiderosi di imparare e obbedienti. All’inizio, il pensiero di formare bambini, ragazzi e ragazze, dai 6 agli 11 anni sembrava una sfida. Oggi non vede l’ora.

 

“Mi rende calmo. Mi mantiene fresco Non ci crederai, non ho stress. ”

 

 

Mentre la maggior parte delle organizzazioni incoraggia giochi come il cricket e il calcio, ELGi ha fatto spazio a Sathish e al suo sport preferito. Ogni anno, la scuola conduce un campo estivo per alcune settimane a cui partecipano circa 40 bambini di tutte le età. Sathish allena il gruppo al mattino dalle 6 alle 9, prima di andare a lavorare alle 11 del mattino.

 

 

Da capitano, chi ha la responsabilità di vincere la partita ha uno scopo più grande: costruire 11 capitani in una squadra. #AlwaysBetter

Altre storie