Lunga lettura -

Lettura breve -

Ci fu un tempo in cui l’alluminio era considerato così prezioso che i reali preferivano usarlo per piatti e posate, rispetto a quelli fatti in oro e argento! L’alluminio è il metallo più abbondante sulla crosta terrestre. Tuttavia, si trova raramente nella sua forma pura. La principale fonte di alluminio è il minerale di bauxite, scoperto nel 1821 da P. Berthier. Trovò un materiale duro, rossastro, simile all’argilla (che conteneva il 52% di ossido di alluminio) vicino al villaggio di Les Baux, nel sud della Francia. Berthier lo chiamò bauxite riprendendo il nome del villaggio.

 

Anni dopo, nel 1886, Charles Martin Hall fece una scoperta in Ohio. Allo stesso tempo, il metallurgista Paul Louis Toussaint Héroult fece la stessa scoperta a Gentilly. Entrambi gli uomini provarono a sciogliere l’ossido di alluminio nella criolite fusa e estrassero l’alluminio attraverso l’elettrolisi. Questo procedimento divenne noto come il metodo elettrolitico Hall-Héroult ed era anche economicamente sostenibile.

 

 

Nell’anno 1888, Carl Josef Bayer, figlio del fondatore della Bayer Chemical Company, inventò un processo perfezionato per la produzione di ossido di alluminio, noto come processo Bayer. Nei due anni successivi all’invenzione, le prime società di alluminio furono fondate in Francia, poi negli Stati Uniti e seguite poi dalla Svizzera. Nel 1890, il suo costo era crollato di quasi l’80%!

 

Australia, Guinea and Jamaica account for 60% of world’s bauxite output, with Guinea contributing nearly 50% of the total reserve! Bauxite ore is mined primarily in Australia, Africa, South America and the Caribbean. India too is naturally endowed with large deposits of bauxite, and ranks as the fifth largest alumina producer in the world.

L’Australia, la Guinea e la Giamaica rappresentano il 60% della produzione mondiale di bauxite, con la Guinea che contribuisce quasi al 50% della riserva totale! Il minerale di bauxite viene estratto principalmente in Australia, Africa, Sud America e nei Caraibi. Anche l’India è naturalmente dotata di grandi giacimenti di bauxite e si classifica come il quinto produttore di allumina al mondo.

 

L’alluminio viene utilizzato in diversi modi nella nostra vita quotidiana. Per gli utensili di tutti i giorni, i CD che fino a qualche anno fa erano molto popolari, i telai delle finestre, gli aerei e persino la carta che avvolge il cibo, è tutto in alluminio. L’aria compressa svolge un ruolo cruciale nel processo di produzione dell’alluminio. L’aria compressa è richiesta a partire dalle miniere, nei componenti pneumatici operativi delle attrezzature minerarie e persino nel processo di fusione per l’azionamento di attrezzature e attuatori specializzati.

Diversi tipi di compressori d’aria ELGi sono stati sempre più utilizzati in questo settore, dalle piccole fonderie private alle aziende di alluminio di proprietà statale e operano in modo esemplare anche in condizioni impegnative e difficili.

Per esempio la National Aluminium Company Ltd (NALCO), situata ad Angul, utilizza i compressori ad alta pressione ELGi nella sua fonderia.

 

L’aria compressa viene utilizzata anche in varie fasi nella produzione di cavi e fili.
I compressori ELGi sono ampiamente utilizzati dai produttori di cavi in ​​tutta l’India. Infatti l’impresa KEI, produttrice leader di cavi situata a Bhiwadi, nel Rajasthan, utilizza questi compressori.

 

Per saperne di più sulla vasta gamma ELGi di soluzioni per aria compressa progressiva, clicca qui

 

 

Altre storie